• +39 0825 1910311
  • +39 0825 627325
  • info@centralfunghi.it

Vellutata di castagne con porcini e guanciale croccante


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quando arriva l'autunno, ecco che sulle nostre tavole compare uno dei simboli per eccellenza di questa stagione: le castagne! Le castagne sono infatti uno degli ingredienti principe di questo periodo dell'anno, con cui si possono preparare molte ricette gustose da leccarsi i baffi! Dai primi piatti fino ai dolci, sono ottime come ripieno per carni oppure, nella versione forse più nota e diffusa, cotte nella tradizionale padella bucherellata per caldarroste. In questa ricetta vi proponiamo una cremosa vellutata di castagne con dei funghi porcini e dell'ottimo guanciale croccante. Portando in tavola questo caldo e avvolgente primo piatto, assaggerete i buoni sapori della nostra terra arricchiti dal gusto ricco e caratteristico del guanciale; i funghi porcini conferiranno alla vellutata un'aroma davvero gradevole che ben si sposa col sapore deciso e sapido della carne: provatene un solo cucchiaio e ne rimarrete estasiati!

Ingredienti per la vellutata

  • Castagne 1 kg

  • Scalogno 100 g

  • Rosmarino 3 rametti

  • Olio di oliva extravegine 40 g

  • Sale 5 g

  • Pepe nero 4 g

  • Brodo vegetale 1 l

per il condimento

  • Funghi porcini 250 g

  • Sale fino 2 g

  • Pepe nero 2 g

  • Olio di oliva extravergine 20 g

  • Aglio 1 spicchio

  • Guanciale 150 g

Preparazione

Per preparare la vellutata di castagne con porcini e guanciale croccante incominciate col porre sul fuoco una pentola con l'acqua per preparare il brodo vegetale. Procedete quindi alla pulizia delle castagne: intaccate le castagne con un coltellino e poi fatele lessare in una pentola a pressione con abbondante acqua per 12 minuti (in alternativa potete utilizzare una normale pentola facendo cuocere per circa 30 minuti). Prendete lo scalogno, eliminate la buccia e tagliatelo a rondelle.

Tritate finemente il rosmarino e tenete da parte. Quando le castagne saranno pronte, munitevi di guanti in lattice e con un coltellino sbucciatele ancora calde, togliendole una alla volta dal loro liquido di cottura man mano che le pulite.

Terminato questo procedimento, fate soffriggere a fuoco medio lo scalogno in una padella antiaderente con l’olio mescolando bene con una spatola. Ponete sul fuoco le castagne precedentemente pulite, aggiungendo sale e pepe a vostro piacimento insieme al rosmarino tritato.

Fate rosolare per 2 minuti e poi versate il brodo vegetale che avete preparato coprendo bene le castagne: conservatene una parte e aggiungetela qualora il brodo dovvesse asciugarsi. Fate cuocere a fuoco vivo per 15-20 minuti e nel frattempo occupatevi della pulizia dei funghi porcini: con un coltellino affilato dalla lama liscia togliete la parte terrosa sul gambo, raschiandolo con delicatezza fino ad eliminare qualsiasi traccia di terra. Se i funghi sono abbastanza puliti, eliminate i pochi residui di terra con un pennello oppure con un panno di cotone, se invece sono ancora molto sporchi, passateli velocemente sotto un getto di acqua corrente fredda.

Terminata la pulizia, tagliate i funghi interi nel senso della lunghezza (13). Fate soffriggere uno spicchio d’aglio in camicia in una padella anitaderente con l’olio, dopodiché fate rosolare i funghi per 10 minuti, regolando di sale e pepe.

Quando i funghi saranno pronti, spegnete e tenete da parte. Tagliate il guanciale a fette e poi a listarelle, quindi fatelo cuocere per pochi minuti sul fuoco per eliminare il grasso e per renderlo croccante.

Una volta che il guanciale sarà ben dorato, adagiatelo su una teglia foderata con carta da forno in modo che rilasci il grasso creatosi in cottura. Trascorso il tempo necessario, le castagne si saranno ben ammorbidite: spegnete il fuoco e frullatele con un frullatore ad immersione finché non otterrete una crema densa. A questo punto passate la vellutata in un colino a maglie strette fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea; trasferitela in un piatto di portata, guarnendola con i funghi e il guanciale croccante che avete preparato. La vostra gustosa vellutata di castagne con porcini e guanciale croccante è pronta: gustatela subito!


Conservazione

Potete conservare la vellutata di castagne con porcini e guanciale croccante in frigorifero per 2 giorni riposta in un contenitore ermetico. Potete congelarla solo se avete utilizzato ingredienti freschi non decongelati per 1 mese al massimo.

Volete rendere la vostra vellutata di castagne ancora più cremosa? Provate ad aggiungere del latte o della panna fresca! Se preferite al posto del guanciale, potete anche optare per la pancetta affumicata: sentirete che sapore!

Questa ricetta è stata presa da giallozafferano.it

Scrivi un Commento

Il modulo dei commenti consente di esprimere un'opinione diretta del contenuto. Per questo è necessario inserire un nominativo e l'email (non verrà publicata, sarà necessaria per eventuali informazioni sul contenuto del commento).
Ci riserviamo di filtrare commenti privi di contatti e/o di cattivo gusto.

CODE - antispam
Ripetere il CODE